Cerca
giovedì 14 dicembre 2017 ..:: Epilessia ::.. Registrazione  Login
 

E' disponibile il libretto illustrativo redatto dall'Associazione con informazioni utili sull'Epilessia, la storia e gli stili di vita, le iniziative svolte dall'Associazione. Richiedilo tramite Email all'Associazione.

 
Vuoi rimanere in ciontatto con l'Associazione e ricevere la newsletter degli eventi ed inziiative? Registrati al sito!


Registrazione
Hai dimenticato la Password ?

 

 Convegno/congresso nazionale

Epilessia
Associazioni a confronto per una strategia comune:

vincere il pregiudizio


Arezzo 24 Novembre 2017
Auditorium Osp. San Donato - Arezzo

9.00     Saluti delle autorità:
Direttore Generale ASL SUD EST Toscana – E.Desideri
Sindaco Comune di Arezzo - A.Ghinelli
Assessore Politiche sociali, Famiglia, Scuola, Politiche sanitarie Comune di Arezzo - L.Tanti
Dir. Dipart. delle professioni Infermieristiche ed Ostetriche ASL SUD EST Toscana- L.Baragatti
Presidente IPASVI Arezzo - C.Molinaro
Dirigente Scolastico Liceo Scientifico F.Redi Arezzo - A.Grotti


Moderatore Amedeo Bianchi


  9:30    Lettura dal libro “A volte non abito qui” a cura di Libera Accademia del Teatro
  9:50    “La sindrome di Lennox-Gastaut e di Dravet” – G.Gobbi
10:20    “Nuovi farmaci” – G.Zaccara
10:40    “Ausili tecnologici per l’epilessia” – A.Rossi
11:00    Coffee Break
11:20    Lettura dal libro “Francesca e Leonardo” – R. di Vito, H.Lotan
11:30    “Problematicità di apprendimento nell’epilessia” - M.Paganini
11:50    “Come gestire le difficoltà di apprendimento nell’epilessia” – B. Falcone
12:10    “Sentirsi diversi e ritrovarsi soli” – S.Moretti
12:30     Dibattito generale

13:00     Pausa pranzo

14:30     Tavola rotonda: “Associazioni epilessia a confronto”

Moderatore Luca Caneschi

“Il pianeta Dravet: una prospettiva concreta di inclusione” - S. Borroni - Associazione famiglie Dravet – Milano
“Epilessia: quando una lettura cambia le prospettive” - K. Santoro  - Associaz. famiglie Lennox Gastaut – Napoli
“Epilessia: aspetti di formazione continua” - T. Levorato - Associazione epilessie Emilia-Romagna – Bologna
“Epilessia nuove realtà” - R. Lorato  - Associazione regionale veneta epilessia” – Venezia
“Epilessia: progettare, condividere e confrontarsi” - N. Banelli - Associazione Arezzo per l’epilessia – Arezzo

16:30     Dibattito conclusivo

17:00     Rinfresco

Direzione scientifica: Dr. Amedeo Bianchi
Segreteria organizzativa: Natalina Banelli – Hèlén Lotan - Maria Teresa Punturo
Per informazioni: Tel. 333 350 54 61 – Email info@arezzoepilessia.org

 

COSA E' L'EPILESSIA ?

Il termine epilessia deriva dal verbo greco ἑπιληψία che significa “essere sopraffatti, essere colti di sorpresa”. Con ciò si intende un gruppo di disturbi funzionali cerebrali caratterizzati da crisi epilettiche ricorrenti.
Questa definizione sintetizza perfettamente i caratteri fondamentali della crisi epilettica, la quale appare all’improvviso, cessa spontaneamente e tende a ripetersi, senza consapevolezza di colui che ne è affetto e da cui possono derivare sintomi motori, sensoriali e psichici e durante le quali il paziente può avere o meno un’alterazione della coscienza.

EPIDEMIOLOGIA: L’epilessia è tra le malattie neurologiche, una delle più diffuse, tanto da essere riconosciuta come malattia sociale (1965). L’epilessia interessa in Europa circa 6 milioni di persone con crisi persistenti o in trattamento e che di questi 500.000 epilettici siano in Italia e in particolare nella provincia di Arezzo si contano circa 3500 persone che soffrono di epilessia. È probabile che la frequenza di questa malattia sia sottostimata, poiché spesso il soggetto epilettico tende a nascondere la sua malattia sia per problemi psicologici sia per problemi ambientali.

SINTOMI: L’epilessia si manifesta con sintomi neurologici dovuti ad una scarica elettrica anomala sincronizzata e prolungata di neuroni della corteccia o del tronco cerebrale. La scarica elettrica, durante la crisi, eccessiva e ipersincrona di un gruppo di neuroni è registrabile all’elettroencefalogramma (EEG).
L’elemento patogenetico comune delle crisi epilettiche è dunque la prevalenza delle azioni sinaptiche eccitatorie su quelle inibitorie in zone localizzate (crisi parziali) o diffusamente (crisi generalizzate) in tutta la corteccia cerebrale. L’epilessia, quindi, è una forma neurologica che si esprime in forme molto diverse tra loro. Alcune tipologie di epilessia sono compatibili con una vita assolutamente normale, mentre altre sono invece di maggior gravità.

EPILESSIA FARMACORESISTENTE
: E' una condizione in cui le crisi persistono nonostante il paziente epilettico sia in trattamento con farmaci antiepilettici: generalmente un paziente con epilessia farmacoresistente ha già provato almeno due farmaci di prima linea, sia come monoterapia sia in combinazione, appropriati per la sindrome epilettica di cui è affetto.

DIAGNOSI: La diagnosi di epilessia richiede che il paziente abbia avuto almeno due crisi spontanee. Distinguiamo dunque le crisi parziali o focali, ovvero crisi che iniziano in una zona circoscritta di cellule nervose in un emisfero cerebrale da cui possono propagarsi ad altre aree cerebrali e crisi generalizzate che coinvolgono invece fin dall’inizio i due emisferi cerebrali.

 
Copyright (c)   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation